stemmacolore

Dott.ssa Anna Rita Cervino

Dott.ssa Anna Rita Cervino

Dott.ssa Anna Rita Cervino

Dirigente medico
Unità operativa: UOS Medicina nucleare

Sono la Dott.ssa Anna Rita Cervino, specialista in Medicina Nucleare, e lavoro nell’omonimo servizio dello IOV fin dalla sua istituzione nel 2006.

Come specialista in Medicina Nucleare, ottenni il mio primo contratto di lavoro nel maggio del 2000, presso l’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso occupandomi di medicina nucleare tradizionale ed in particolare di cardiologia nucleare con tecneziati e Tallio. Nel giugno 2001 vinsi il concorso per dirigente medico nucleare a tempo indeterminato presso l’Ospedale Umberto I di Mestre-Venezia (ora Ospedale dell’Angelo), acquisendo esperienza in ulteriori procedure diagnostiche come la marcatura dei leucociti marcati, la ricerca del linfonodo sentinella e, dal 2002, la PET/CT.

Nel 2004 per mobilità sono entrata a far parte dell’equipe di Medicina Nucleare della Radioterapia dell’Azienda Ospedaliera di Padova, confluita poi nello IOV, interessandomi in particolare di PET/CT nei carcinomi dell’esofago, della mammella e della prostata sia a fini assistenziali che di ricerca clinica. Oltre alla terapia radiometabolica con 131Iodio, mi occupo di radioembolizzazione dell’epatocarcinoma con 90Y-TheraShere. Sono autore e co-autore di alcune pubblicazioni indicizzate (Pub Med) e di abstract presentati a convegni nazionali ed internazionali.

Attività di ricerca

Trials (invistigatore principale e/o coinvestigatore):

  • 18F-FDG PET-TC con mezzo di contrasto nella stadiazione del tumore esofageo e della giunzione esofago-gastrica. Prognosi PET/CT guidata nei pazienti con cancro dell’ esofago sottoposti a terapia neoadiuvante (studio prospettico di coorte a braccio singolo).
  • Il ruolo dell’FDG PET/CT nel setting pre e post-operatorio delle pazienti con cancro della mammella ad alto rischio di recidiva.
  • PET/TC segmentaria vs. PET/TC total-body nel nodulo polmonare (in collaborazione con l’Università di Salerno e di Napoli “Federico II”).
  • Ruolo della PET/TC con 18F-fluorocolina nella stadiazione dei pazienti con cancro della prostata a rischio intermedio – alto. Studio clinico di fase III, randomizzato, in Aperto – reclutamento in corso.
  • Progetto LARAMED (laboratorio per la produzione di radionuclidi di interesse per la medicina), che prevede l’utilizzo di un ciclotrone da 70 Mev per la produzione ad esempio di Rame64 e Gallio68 con cui marcare traccianti di ipossia, di apoptosi e recettoriali.
Torna su