stemmacolore

Linea 4 – Nuovi modelli organizzativi: PDTA e indicatori

Linea 4 – Nuovi modelli organizzativi: PDTA e indicatori

Descrizione linea di attività

L’obiettivo principale perseguito nella stesura dei PDTA della Rete Oncologica (DGR 2067/2013) è quello di garantire tempestività nella presa in carico dei pazienti, adeguati livelli di cura e di continuità assistenziale dal momento preciso in cui il paziente entra nel percorso, alla valutazione multidisciplinare, sino al fine vita.
La definizione dei PDTA prevede anche l’individuazione degli indicatori di struttura, processo ed esito il che consentirà di acquisire dati di “effectiveness” delle innovazioni diagnostiche, terapeutiche e organizzative.

Premessa/Background

Lo IOV è uno snodo fondamentale nella rete oncologica sia ospedaliera che territoriale, ha funzione di HUB per il coordinamento in stretta sintonia con tutte le aziende della Regione. Tra i suoi obiettivi è quello di definire e condividere Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali per i vari tipi di tumore e di attivare sistemi di verifica e di indicatori per il monitoraggio dell’appropriatezza dei percorsi di cura e del trattamento oncologico orientati alla qualità e alla sicurezza del paziente. Diventa quindi di strategica importanza la rilevazione di indicatori all’interno dell’Istituto che assume anche a livello regionale una importanza essenziale. La rilevanza di dati di real world è crescente alla luce delle continue innovazioni diagnostiche, terapeutiche e organizzative in ambito oncologico.

Razionale

Il monitoraggio del PDTA attraverso indicatori specifici di performance permette di analizzare gli snodi assistenziali messi in atto presso la singola declinazione aziendale. La verifica sul campo dei miglioramenti introdotti dai PDTA viene realizzata tramite il calcolo di indicatori, cioè variabili ad altro contenuto informativo, che consentono una valutazione sintetica di fenomeni complessi e aiutano ad orientare le decisioni. Gli indicatori vengono ad oggi costruiti utilizzando le informazioni rese disponibili dai flussi informativi correnti (Assistenza specialistica, ricoveri, farmaceutica, assistenza domiciliare, registro regionale di mortalità) opportunamente integrati con tecniche di record linkage.
La possibilità di rilevare indicatori di struttura, processo ed esito consentirà di produrre dati affidabili dalla pratica clinica. La rilevanza di dati di “effectiveness” derivanti dalla pratica clinica è oramai riconosciuta anche dalle autorità regolatorie come unica modalità per ottenere:

  • dati di sicurezza a lungo termine di terapie innovative,
  • dati di efficacia in pazienti sotto/non rappresentati negli studi clinici (anziani, con comorbidità, condizioni cliniche compromesse, che assumono vari farmaci),
  • dati di efficacia in tumori/quadri clinici rari con dati insufficienti dagli studi clinici,
  • dati sulle sequenze terapeutiche.

Obiettivi Globali

Valutare l’aderenza agli indicatori espressi dai PDTA della ROV dei pazienti presi in carico presso l’Istituto Oncologico Veneto nei diversi percorsi di cura, nello specifico:

  • monitorando l’aderenza agli indicatori;
  • Implementando audit interni;
  • Analizzando eventuali sistemi correttivi;
  • Acquisendo dati di esito

Risultati attesi e misurabili nel triennio

Attivazione di un applicativo che permetta di rilevare indicatori di struttura e di processo “rilevabili” dai flussi informativi regionali al fine di consentire la verifica della reale presa in carico del paziente oncologico come definito nei vari PDTA per patologia della Rete Oncologica. Attività misurabili per la verifica dei risultati attraverso la definizione quantitativa dell’indicatore:

  • Tempo d’attesa inizio chemioterapia/radioterapia post intervento
  • Chemioterapia negli ultimi 30 giorni di vita
  • Riduzione Esami diagnostici inappropriati (TAC, Risonanza Magnetica, PET, etc)
  • Definzione di strumenti di valutazione sulla “effectiveness” di terapie innovative

Last modified: 17/03/2022 13:40

Torna su