Nel Comune di Padova circa 55 mila donne convivono con la menopausa. Una condizione fisiologica che porta con sé disturbi comuni come vampate di calore, palpitazioni e tachicardia, vertigini, oppure irritabilità, affaticamento, ansia e disturbi della concentrazione. Le conseguenze più importanti sono però l’aumento del rischio cardiovascolare, le patologie osteoarticolari e in particolare l’aumento dell’incidenza dell’osteoporosi.

Se ne parla domani, venerdì 14 febbraio, dalle ore 17, in sala Livio Paladin a Palazzo Moroni in occasione del convegno “Menopausa in Salute: rinascita fisica e psicologica”. L’incontro è promosso dall’Istituto Oncologico Veneto – IOV IRCCS, patrocinato dal Comune di Padova e realizzato in collaborazione con Progetto Città Sane OMS settore Gabinetto del sindaco. All’incontro interverranno specialisti esperti in endocrinologia, ginecologia, counseling psicologico, nutrizione e stili di vita per aiutare le donne a comprendere e vivere al meglio questo delicato passaggio.

«Un evento che testimonia l’attenzione che l’Istituto Oncologico Veneto pone sulla salute di tutte le donne – afferma Giuseppe Opocher, direttore scientifico IOV – Durante la menopausa è importante stabilire un atteggiamento attivo per far in modo che le donne possano prendersi cura di se stesse, della loro alimentazione, far esercizio e tenersi controllate. Tutto ciò per garantire la miglior qualità di vita negli anni a venire. Lo Iov, attraverso ambulatori dedicati, segue centinaia di pazienti che sono state sottoposte a trattamenti oncologici e che quindi si trovano in una condizione di menopausa precoce. Ognuna ha un percorso personalizzato». Il tema sarà affrontato in un’ottica multi-professionale. «Oggi, molte donne, si trovano a vivere questo momento in periodi di massimo impegno lavorativo e familiare, trascurando quindi le conseguenze importanti che questa fase ha – aggiunge Stefania Zovato, responsabile UOSD Tumori ereditari IOV – Non bisogna dimenticare che la menopausa ha riflessi su osteoporosi, ipertensione, malattie cardiovascolari e non solo. Un incontro importante, aperto a tutta la cittadinanza, per ricordare che questo passaggio è sì, un momento delicato, che deve però essere vissuto come una riscoperta di sé e come una rinascita fisica e psicologica».

L’incontro è a ingresso libero e gratuito. «Il convegno intende offrire puntuali informazioni per comprendere e vivere al meglio una fase importante della vita di una donna – dichiara Stefania Moschetti, Consigliere comunale con delega alle “Città Sane” – Conoscere per tempo eventuali rischi correlati a tale fase fisiologica e indicare corretti stili di vita costituisce uno dei progetti che stiamo portando avanti con i medici dello IOV per sensibilizzare la cittadinanza sui temi della prevenzione, come anche quelli rivolti anche ai bambini in età scolare con il progetto “Sunlab for Kids” in collaborazione con “Piccoli Punti Onlus” per la lotta al melanoma. Grazie alla fondamentale collaborazione con il mondo della ricerca, con l’Azienda Ospedaliera di Padova e con le associazioni, cui va il più sincero ringraziamento, il Comune di Padova con Città Sane è in grado di proseguire un percorso iniziato 30 anni fa, che però oggi chiaramente richiede di perseguire progetti sempre più al passo coi tempi, con le esigenze della collettività e dell’ambiente, per una tutela effettiva della salute sotto ogni profilo».