stemmacolore

MISSION CANCER VERSO HORIZON EUROPE. LO IOV FA SQUADRA PER “CONQUISTARE IL CANCRO” A LIVELLO EUROPEO

MISSION CANCER VERSO HORIZON EUROPE. LO IOV FA SQUADRA PER “CONQUISTARE IL CANCRO” A LIVELLO EUROPEO
Eventi, Istituzionali, Prevenzione e cura

L’Italia alla ‘conquista del cancro’ fa tappa all’Istituto Oncologico Veneto. È questo l’obiettivo che guida la staffetta di eventi dedicati alla “Mission Cancer – Il ruolo e le opportunità per l’Italia nelle azioni europee per conquistare il cancro”, riprogrammati in questa seconda parte dell’anno in modalità online a causa dell’esplosione della pandemia di Covid-19. Il focus dell’appuntamento di oggi riguarda “Prevenzione e comunicazione”. Questo terzo evento è stato lanciato e organizzato dall’Istituto Oncologico Veneto IOV IRCCS, in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore e con APRE.

Qui il link per partecipare: https://www.apre.it/eventi/2020/ii-semestre/mission-cancer-iii/

Si parte alle 14.30 con i saluti istituzionali di Giorgio Roberti, Direttore Generale dell’Istituto Oncologico Veneto IOV – IRCCS, di Rosario Rizzuto, Rettore dell’Università degli Studi di Padova e di Antonella Viola, Direttore Scientifico dell’Istituto Ricerca Pediatrica di Padova. Il primo intervento, previsto alle 15, riguarda le future missioni in Horizon Europe, genesi e prospettive per la ricerca italiana. Modera Giuseppe Opocher, il Direttore Scientifico dell’Istituto Oncologico Veneto IOV – IRCCS. Parteciperanno Fulvio Esposito, Rappresentante del Ministero dell’Università e della Ricerca e Rappresentante Nazionale di European Research Area Committee (ERAC), e Marco Falzetti, Direttore di APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europe. Il secondo intervento, in calendario alle 15.20 è incentrato sulla mission cancer e l’azione in materia del Ministero della Salute. Alle 16 ci sarà spazio per le domande, in particolare il confronto verterà sull’organizzazione della risposta alla mission cancer. La conclusione dei lavori sarà lasciata al professor Opocher e a Walter Ricciardi, presidente del “Mission Board for Cancer”.

Qui la locandina con il programma completo: https://www.apre.it/media/666186/agenda_mission_cancer_iov_draft_2.pdf

“L’incontro promosso da Mission Board for Cancer è un’occasione importante per fare sinergia e mettere in rete il nostro sapere scientifico – commenta Giorgio Roberti, Direttore Generale dello IOV IRCCS – In ricerca e innovazione lo scambio di protocolli e risultati, in un’ottica di collaborazione, diventa fondamentale per definire la strategia di azione nella lotta contro il cancro. Horizon Europe e la Cancer Mission rappresentano per il nostro Istituto, e per tutta la sanità veneta, una grande opportunità”.

L’incontro rientra tra le iniziative volute dal Mission Board for Cancer – il gruppo di esperti istituito dalla Commissione Europea nel quadro del programma di ricerca e innovazione dell’UE – con un obiettivo comune a tutti gli Stati europei: salvare 3 milioni di vite entro il 2030. Per fare questo, è necessario sviluppare un processo di capacity building finalizzato a migliorare conoscenza, cultura, coscienza collettiva, condivisione di intenti e collaborazione, con il coinvolgimento di tutte le migliori strutture tecnico-scientifiche e industriali distribuite nel nostro territorio. E proprio questo sarà il focus dell’appuntamento.

“La sfida lanciata da Mission cancer riguarda tutti noi – dichiara il professor Giuseppe Opocher, Direttore Scientifico dello IOV IRCCS – Il focus su cui si concentra questo appuntamento riguarda la comunicazione ai pazienti e la prevenzione. Sono due pilastri fondamentali e trasversali. È giusto porre attenzione su nuovi farmaci e cure, ma gli aspetti che riguardano la prevenzione richiedono altrettanti investimenti perché racchiudono grandi potenzialità. È importante lavorare sull’educazione ai pazienti”.

Il Mission Board for Cancer è stato nominato nell’ambito delle attività di preparazione del futuro programma Horizon Europe (2021-2027), il programma più ambizioso finora finanziato per la ricerca e l’innovazione, che mira a promuovere l’eccellenza europea negli ambiti scientifici e tecnologici di tutti i Paesi dell’UE.

“Una partecipazione nazionale, convinta e decisa alle future Missioni è un’opportunità che il Sistema Paese non può disattendere. Quando questo si riferisce a uno sforzo comune europeo sulla questione cancro, ciò diventa imperativo – commenta Marco Falzetti, Direttore di APRE, Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea – APRE, nel suo ruolo istituzionale di promotore della ricerca e dell’innovazione europea, è in prima linea a supporto dell’intera comunità italiana in questo percorso verso il nuovo programma quadro Horizon Europe. Sui temi sollevati dal Mission Board for Cancer, APRE sta anche contribuendo con un sondaggio che al momento ha coinvolto circa 200 partecipanti, cittadini e stakeholder nazionali sensibili a questo tema”.

HORIZON EUROPE

La lotta contro il cancro è solo una delle 5 sfide alle quali Horizon Europe ha dedicato delle specifiche ‘Mission’ guidate dalla volontà di risolvere problemi rilevanti per la vita quotidiana delle persone e nell’ottica di avvicinare la società civile alla ricerca europea, mettendone in evidenza l’impatto. Le altre mission sono: città a basso impatto ambientale, nuova gestione degli ecosistemi marini e dell’acqua, riduzione dell’impatto antropogenico sul cambiamento climatico e uso sostenibile delle risorse naturali. Per saperne di più: www.apre.it, www.versohorizoneurope.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Categorie

Torna su