stemmacolore

RADIOLOGIA ONCOLOGICA: ALL’OSPEDALE BUSONERA UNA NUOVA TAC PER MIGLIORARE IL SERVIZIO

RADIOLOGIA ONCOLOGICA: ALL’OSPEDALE BUSONERA UNA NUOVA TAC PER MIGLIORARE IL SERVIZIO
Prevenzione e cura

Sono oltre 4.000 i pazienti che, ogni anno, si sottopongono a TAC presso la UOS Radiologia oncologica dell’Istituto Oncologico Veneto, nella sede dell’Ospedale Busonera a Padova, per un totale di oltre 26.000 prestazioni, effettuate prevalentemente a persone in trattamento oncologico. Nell’investire in nuove attrezzature diagnostiche per questa struttura, lo IOV ha elaborato un percorso di ammodernamento “a tappe” in modo da non ridurre o interrompere in alcun modo l’attività erogata.

Un primo, importante, passo è rappresentato dalla sostituzione di una delle TAC. La nuova apparecchiatura (a 64 slices) è stata provvisoriamente collocata in un prefabbricato a fianco del macchinario utilizzato sinora. Alla fine dello scorso anno erano stati effettuati lavori preparatori per consentire agli utenti di accedere a entrambe le apparecchiature dalle sale di attesa interne all’edificio, senza particolari disagi. In questi giorni la nuova TAC è entrata in uso e si potrà quindi procedere con le fasi successive del progetto: lo smantellamento della vecchia apparecchiatura e i lavori di adeguamento strutturale e impiantistico dell’ala della Radiologia destinata a ospitare in sede definitiva le due TAC.

«Dopo aver potenziato la Radiologia senologica, con apparecchiature all’avanguardia acquistate grazie ai finanziamenti regionali e alle donazioni, è ora il momento di far crescere anche la Radiologia oncologica, dove il salto di qualità tecnologico è indispensabile per poter personalizzare il percorso di diagnosi e cura» afferma con soddisfazione la Dott.ssa Francesca Caumo, Direttore delle Radiologie IOV.
Per l’intero processo di modernizzazione della Radiologia oncologica l’Istituto ha investito circa 3 milioni di euro.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Categorie

Scroll to Top