stemmacolore

UN SUCCESSO L’AMBULATORIO UROLOGICO PER BIOPSIE MIRATE E “SUPER-PERSONALIZZATE” DELL’OSPEDALE BUSONERA

UN SUCCESSO L’AMBULATORIO UROLOGICO PER BIOPSIE MIRATE E “SUPER-PERSONALIZZATE” DELL’OSPEDALE BUSONERA
Donazioni

Lo scorso dicembre l’Istituto Oncologico Veneto aveva trovato, sotto l’albero di Natale, un grande regalo: un ambulatorio, completo di attrezzature all’avanguardia, del valore complessivo di 150 mila euro, donato all’Ospedale Busonera dalla Fondazione Castorina-Ceolin, animata dall’imprenditore Paolo Castorina e dalla moglie Carla Ceolin.

La dotazione comprendeva un sistema ecografico con multi-sonde e un sistema di videocistoscopia protetta per l’esecuzione di cistoscopie ambulatoriali, composto da un videocistoscopio flessibile e da un videoprocessore digitale. Tali apparecchiature hanno consentito agli specialisti urologi dell’Istituto di offrire anche nella sede padovana dello IOV prestazioni fino ad allora erogate solo negli spazi della UOC Urologia oncologica di Castelfranco Veneto, diretta dal dott. Angelo Porreca.

Dall’apertura dell’ambulatorio a oggi sono state eseguite al Busonera 145 biopsie prostatiche “fusion” e 45 uretrocistoscopie, mirate sulla localizzazione della lesione. L’esame si basa sulla fusione delle immagini dell’ecografia eseguita al momento con quelle della precedente risonanza magnetica, acquisite con un dischetto, permettendo di orientare in modo preciso il punto da analizzare. Si possono così eseguire biopsie “super-personalizzate”, minori come numerosità, perché più mirate, con meno dolore e rischi di infezione.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Categorie

Torna su